Atalanta-Napoli 0-1. Azzurri corsari a Bergamo, decide Mertens

La serie A riparte da Atalanta-Napoli, e la capolista si presenta sul terreno dell’ ‘Azzurri d’Italia’ con questa verità assoluta ben chiara nella testa dei giocatori. Non è un caso che Maurizio Sarri abbia chiesto e ottenuto che i suoi uomini tornassero due giorni prima dalla vacanza di inizio anno perchè tutti sanno che l’Atalanta è un ostacolo durissimo, il più difficile da superare che il calendario potesse in questo momento della stagione piazzare lungo il cammino della capolista. La tradizione recente conferma quanto la sfida ai nerazzurri sia complicata: nelle ultime cinque stagioni il Napoli è uscito infatti sconfitto per tre volte dal campo di Bergamo, rimediando un pareggio ed una sola vittoria (3-1 nel 2015). La rete di Mertens nella ripresa decidea la sfida di Bergamo. Grande esultanza di Sarri al fischio finale, a testimonianza delle difficoltà della partita. Con questa vittoria gli azzurri sono momentaneamente a +4

PRIMO TEMPO
Squadre che si schierano sul terreno di gioco. Manca davvero poco al fischio d’inizio. Splende un bel sole a Bergamo. Si parte! Fasi di studio in queste prime battute di gara. Subito grande intensità. Prova a guadagnare campo ora il Napoli, l’Atalanta sembra voler lasciare l’iniziativa alla squadra di Sarri. Restano però molto pochi gli spazi con i padroni di casa che marcano praticamente ad uomo Jorginho con Ilicic. Molti calci d’angolo in questo inizio di partita: fino ad adesso molto equilibrato il match. Al 22′ occasione Atalanta: lancio lungo del Papu, con Reina che esce fuori dalla sua area di rigore e spazza via. Sul fronte opposto sulla ripartenza classica giocata di Insigne che cerca lo spazio per calciare con il destro a giro: una deviazione di Toloi salva i Bergamaschi su una situazione complicata, mettendo il pallone in corner. Si lotta furiosamente su ogni pallone, partita di grande intensità come da aspettative. Non c’è un attimo di respiro, con l’Atalanta che raddoppia sempre sul portatore di palla e lascia pochissimo tempo al Napoli per ragionare. Dopo una buona fase del Napoli, l’Atalanta sembra aver ripreso le misure. Una splendida partita a scacchi tra Sarri e Gasperini. Al 43′ grande giocata di Masiello: Jorginho scodella per Callejon verso l’area, sforbiciata del difensore dell’Atalanta che riesce a salvare in maniera strepitosa evitando che lo spagnolo ricevesse solo all’interno dell’area bergamasca. Si chiude sullo 0-0 questo primo tempo, giocato su livelli altissimi di intensità. Poche occasioni ma tanto interesse per come si potrà evolvere una gara molto bella data vedere per la sfida tattica tra Gasperini e Sarri.

SECONDO TEMPO
Si riparte! Inizia il secondo tempo. Parte forte l’Atalanta che conquista subito un calcio d’angolo. Azione continuata dei Bergamaschi, Reina blocca il cross dalla sinistra. Al 47′ occasione Napoli: sulla ripartenza del Napoli, grande palla di Mario Rui in area, sulla copertura di Spinazzola su Callejon la sfera arriva al polacco che non trova lo specchio della porta. Al 52′ Napoli ad un passo dal goal: solita giocata sul palo lontano di Insigne per Callejon, di testa il numero 7 del Napoli batte a colpo sicuro ma Berisha di puro istinto gli dice di no sulla linea. Al 58′ Ilicic anticipato: cross morbido di Gomez dalla sinistra, torre di Cornelius per il compagno che viene anticipato da Albiol a centro area. Al 63′ i Partenopei sbloccano la partita trovando il goal: palla in profondità fantastica per Dries Mertens che si libera benissimo e si presenta davanti a Berisha che con il destro infila in rete. Cori razzisti dei tifosi Bergamaschi nei confronti di Koulibaly che protesta con Orsato. Il direttore di gara dice che sta prendendo nota. Tensione molto alta adesso. Ora ci sono maggiori spazi per il Napoli, che può cercare cos√¨ di sfruttare la velocità dei suoi attaccanti. L’Atalanta prova ad alzare il baricentro dopo lo svantaggio. Che occasione al 69′ per l’Atalanta com Cristante: pallone al limite dell’area del Napoli recuperando Toloi, sfera che diventa invitante per Cristante che tira una sassata e salva con un miracolo Reina. Resta in fase d’attacco il Napoli, che batte ancora un corner con Callejon. Provato lo schema, ancora una volta sul cross si rifugia in angolo l’Atalanta. Il Napoli in questa fase del match cerca di abbassare il ritmo, l’Atalanta prova a farsi pericoloso sugli esterni. All’81’ pallone vagante sui trentacinque metri, Mertens vede Berisha fuori dai pali e calcia direttamente in porta. Pallone al lato di pochissimo. Dopo due minuti ancora Napoli: giocata eccezionale di Mertens, che elude Caldara in area e serve una grande palla ad Hamsik che alza troppo la mira. All’88’ giocata di forza pura di Marko Rog, che arriva a tu per tu con Berisha ma non ha più forze per calciare in maniera decisa, che con un tiro debole tra le gambe del portiere. Al 90′ goal annullato al Napoli con Hamsik che aveva battuto Berisha. Dopo la verifica al Var la decisione viene confermata. Dopo 4 minuti di recupero, finisce qui la gara.

 

Edoardo Riccio

Condividi