Arabia Saudita. Il silenzio delle atlete: esordio vietato per media e spettatori

Sembrava un”apertura memorabile per i diritti civili delle donne in Arabia Saudita. Invece, no. Non è stato proprio così. Certo il calcio femminile ha fatto il suo esordio ufficiale nel week-end, con le partite che sono state giocate regolarmente, ma qualcosa non è andato come doveva.

Lo spettacolo è stato vietato alla visione di pubblico e media. Insomma un vero e proprio spettacolo negato per le atlete che ricevono comunque una beffa clamorosa. I risultati delle partite sono stati ufficializzati e diramati solo dai canali ufficiali della Federazione Calcistica Saudita.

Insomma una sorta di compromesso per lo sport femminile, che può essere praticato, ma non guardato. Le leggi islamiche, infatti, non permettono l’esibizione del corpo della donna al pubblico, nonostante le divise delle atlete erano comprese di pantaloni larghi e velo di ordinanza.