AcquaeSapone. Cinquina al Napoli, vittoria e riscossa per i neroazzurri

La risposta che tutti volevano è arrivata. L’AcquaeSapone annienta il Napoli e torna a vincere in campionato. Di nuovo secondi i nerazzurri di Bellarte, spinti da una grande attenzione e dalla rabbia che, forse, in altre occasioni era mancata. Il patron Barbarossa si gode anche un ritrovato Borruto: è il Cobra lo spacca partita, con una tripletta. Segna, ricama e ringhia l’astro di Buenos Aires. Ma sono tutti i ragazzi del Palaroma a meritare il successo. A metà primo tempo la semina produce i meritati frutti: Murilo serve a Borruto la palla del vantaggio. Qualche secondo dopo, Luiz Paulo Caetano salva sulla linea il rasoterra di Lucho. La coppia arbitrale fischia con grande severità contro la squadra di casa e nel giro di un minuto manda sotto la doccia il capitano Murilo per doppia ammonizione: la prima, giusta, per un fallo al limite dell’area; la seconda, assurda, per una presunta simulazione. Dopo aver resistito con l’uomo in meno, i nerazzurri capitolano sul tiro di Abdala, che pareggia i conti. Gioca comunque il suo futsal la squadra di Bellarte, senza paura n√© isterismi: Simeone è costretto ad un pomeriggio di straordinari, ma se la cava benissimo. A 4′ dalla sirena, salva clamorosamente su Borruto e poi viene graziato da Chaguinha, che fallisce un tap in facile a porta vuota, servito da Cuzzolino. Nella ripresa, i partenopei partono con l’atteggiamento prudente di chi può gestire il risultato, l’AcquaeSapone invece muore dalla voglia di riportarsi avanti e preme forte sull’acceleratore. E, prima che scocchi il 4′ sul tabellone, trova il gol del sorpasso: uscita pressing perfetta, Leit√£o finalizza con un tiro di punta di rara precisione, che fulmina il portiere del Napoli. Le dinamiche in campo cambiano, ora la squadra di casa può attendere gli avversari e cercare la ripartenza letale. Accade dopo 9’11”: punizione al limite dell’area nerazzurra, Bertoni non gestisce bene un rimpallo della barriera e Borruto gli soffia il pallone, partendo oltre ogni limite di velocità fino alla porta campana, dove appoggia a Chaguinha, che deve solo insaccare e alzare le braccia al cielo. Per cinque minuti effettivi il Napoli può solo difendersi per evitare il quarto gol, poi Oranges tenta l’ultima carta: Bico portiere di movimento. L’ex pescarese rischia di riaprire la gara centrando una traversa dalla distanza a 3’40” dalla conclusione. E’ l’ultima chance del Napoli, perch√© pochi istanti dopo Mammarella rinvia lunghissimo con le mani e trova la deviazione sottorete di Borruto. Partita chiusa, ma la rabbia nerazzurra non è stata ancora scaricata: a 2′ dalla sirena, Borruto firma la tripletta e porta al 5 a 1 della riscossa.

 

ACQUAeSAPONE EMMEGROSS – DHS NAPOLI 5-1 (pt 1-1)

 

ACQUAeSAPONE EMMEGROSS: Mammarella, Chaguinha, Leit√£o, Egea, Cuzzolino, Borruto, Luiz Paulo, Murilo, Montefalcone, Coco S., Di Matteo. Aguinaldo. All. Bellarte.

 

DHS NAPOLI: Simeone, Bertoni, Pipolo, Evandro, Campano, Abdala, Botta, Milucci, Noro, Bico, Lucho, Leandro. All. Oranges.

 

ARBITRI: Lombardi (Roma 1), Peroni (Città di Castello). Crono: Di Guilmi (Vasto).

 

MARCATORI: nel pt 10’31” Borruto (A), 12’29” Abdala (N); nel st 3’48” Leit√£o (A), 9’11” Chaguinha (A), 16’47” e 17’49” Borruto (A).

 

NOTE: espulso all’11’34” Murilo (A) per doppia ammonizione, a 18’29” Bico per fallo da ultimo uomo; ammonito Murilo (A), Botta (A), Campano (N).

 

 

Ufficio stampa e comunicazione

AcquaeSapone Calcio a 5