yobit poloniex hitbtc cryptopia amp for wordpress plugin
Zero90Nove Volley. Il paradossale circolo vizioso: le piantine non bastano - Sportcampania.it

Zero90Nove Volley. Il paradossale circolo vizioso: le piantine non bastano

Inserito da il 6 novembre, 2018 alle ore 12:16 pm

Sono passate due settimane dal nostro precedente articolo, in cui il presidente dell’Associazione Zero90Nove Volley, Giuseppe Crosio, spiegava la motivazione della sua petizione “Riapriamo le palestre scolastiche”. Sono passati 15 giorni, ma niente è cambiato.

La Municipalità del quartiere Vomero non risponde all’appello. Non una parola per sostenere l’iniziativa e la richiesta delle Associazioni Sportive. Mentre la Provincia si protrae in qualche modo verso la risoluzione del problema. Un modo alquanto curioso, oltre che paradossale.

Infatti, secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, le associazioni dilettantistiche avrebbero, su richiesta della stessa provincia, inoltrato le piantine, con annesse vie di fuga e piano di evacuazione, ma la risposta dell’organo istituzione è stato un semplice “Non sono sufficienti”.

La motivazione è da ricercarsi in un’ipotetica prevenzione in caso di richiesta della SCIA. Ricordiamo, la SCIA è un documento necessario in caso di voglia aprire al pubblico l’impianto durante le manifestazioni sportive. Un documento, che, per altro, richiede un esborso di denaro, non di certo sicuro nelle casse delle associazioni dilettantistiche. Oltre a questo, il paradosso si va a concretizzare quando si va a rileggere il regolamento sull’assegnazione degli impianti scolastici, diramato proprio dal distretto scolastico. Questo regolamento prevede un’assegnazione annuale dell’impianto, stroncando così qualsiasi tipo di programmazione. Non avendo la certezza di un utilizzo quanto meno quinquennale, proprio quanto la durata della stessa SCIA, le Associazioni Sportive sono ben lontane dal volersi addossare la spesa.

Inoltre a peggiorare la situazione c’è un altro regolamento, che prevede che la richiesta di tale documento, la SCIA, debba arrivare direttamente dal proprietario dell’impianto. In questo caso, parlando di palestre scolastiche, quindi, non l’istituto, non il Comune, ma bensì la Provincia. La domanda, quindi, sorge spontaneamente. Perchè un’associazione dovrebbe chiedere e pagare la SCIA, se poi non è sicura di poterne godere?

Intanto Giuseppe Crosio, presidente della Zero90Nove Volley ha fatto redigere un piano di evacuazione di circa 30 pagine, che proprio nella giornata di oggi verrà inoltrata agli uffici della Provincia.

Una battaglia che dura da due anni, quella della Associazioni Sportive e le amministrazioni territoriali. Già nel 2017 infatti era stata creata una petizione destinata tra gli altri al Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, per riaprire le palestre scolastiche per attività extracurricolari. Una soluzione alternativa alla delinquenza occasionale, e non, oltre che un’alternativa per i ragazzi, che hanno la possibilità di togliersi dalla strada.

Due settimane sono passate, ma non è arrivata nessuna risposta da chi di competenza.

Cristina Mariano

Condividi

About Cristina Mariano

121 queries in 7,182 seconds.