Parse error: syntax error, unexpected '}' in /web/htdocs/www.sportcampania.it/home/wp-content/themes/maxmag/header.php(7) : eval()'d code on line 53 Virtus Libera Forio. Fase Oro: Vittoria nel derby col Procida Futura - Sportcampania.it - Sportcampania.it

Virtus Libera Forio. Fase Oro: Vittoria nel derby col Procida Futura

Inserito da il 12 Mar, 2018 alle ore 4:28 pm

VIRTUS LIBERA FORIO – PROCIDA FUTURA 4 – 2

Virtus Libera Forio: Savio, Morgera 1, Mainolfi 1, Coppa 1, Polito 1, Di Scala, Grimaldi, Beneduce, Calise, Rossi, Caruso, Castaldi. All. Monaco

Procida Futura: Capobianchi, De Pascali 1, Scotto di Carlo 1, Lubrano Lavadera, Vicidomini, Lubrano Lobianco, Proietti, Ambrosino, Visaggio, Veneziano, Carabellese, Tramontano, Sabia. All. Scotto Di Ciccariello.

Arbitro: sig. Petrone Matteo di Torre del Greco.

Note. Ammoniti: Ambrosino, Carabellese, Lubrano Lavadera (PF). Spettatori: oltre 300

Inizia con una convincente vittoria il cammino della Virtus Libera Forio nella Fase Oro. I bianco verdi battono, per la seconda volta nel giro di tre settimane, il Procida Futura. Copione rispettato anche per il quinto derby della stagione tra le due isolane: emozionante e molto tirato, come da attesa. A vincerlo, meritatamente, è la Virtus Libera. La compagine di mister Monaco, trainata da oltre 300 tifosi, gioca una gara impeccabile, e, complice il pareggio nel sabato pomeriggio tra Città di Palma e Sammaritana, balza immediatamente al comando del girone Z.

Quintetto. Mister Monaco recupera Beneduce, ritornato a disposizione dopo aver scontato due giornate di squalifica. Ancora out Michele Castagliuolo. Il quintetto di partenza dei biancoverdi è composto da Savio, tra i pali, Polito, Beneduce, Di Scala e Grimaldi. Il Procida Futura, invece, confida nei giocatori di movimento De Pascali, Carabellese, Lubrano Lavadera e Scotto di Carlo.

Partita. La prima occasione capita agli ospiti, al 4’, ma Savio si allunga e con il piede devia in calcio d’angolo la conclusione di Carabellese. La Virtus Libera concede il possesso palla al Procida, per ripartire con veloci ripartenze. Al 9’ Grimaldi recupera palla e serve Polito, gli ospiti tuttavia si salvano. Al 14’ arriva la rete del vantaggio dei padroni di casa: l’estremo difensore procidano in uscita non è preciso, sulla palla arriva per primo Mainolfi che, dalla lunga distanza, è bravo a trovare lo specchio della porta, nonostante la posizione defilata e l’opposizione di due giocatori del Procida. L’isola di Graziella porta decisamente bene all’ex Forio e Lacco Ameno, che, già nella gara di ritorno di Coppa Italia dello scorso settembre contro De Pascali e compagni, realizzò una tripletta. Non finisce qui: dopo due giri di lancette è già tempo di raddoppio. Morgera recupera palla e con una staffilata imparabile coglie l’angolino alla sinistra del numero uno procidano. Al 18’ foriani ancora pericolosi con la punizione di Rossi. La Virtus Libera gioca con attenzione ed intensità e non concede quasi nulla agli avversari. La reazione del Procida, nel primo tempo, si concretizza tutta nella conclusione di De Pascali, al 22’, deviata in angolo da Savio con la complicità del palo, e dall’occasione capitata ad Ambrosino che, da buona posizione, manda fuori. Poco prima del gong, il Procida riapre la gara con la conclusione di Scotto di Carlo dalla distanza che sorprende Savio. Al riposo si va con la Virtus Libera sul 2 a 1.

Nei primi minuti della ripresa, i bianco verdi sembrano risentire del gol subito poco prima del thè caldo e commettono qualche errore di troppo. Al 3’ Savio evita il pari ospite con una grande parata. Poi, con il passare dei minuti Morgera e compagni si “sciolgono” e tornano a giocare la strepitosa partita giocata nel primo tempo. E’ proprio “Fanta” che si vede negare la doppietta personale, al 17’, dal palo. A realizzare la terza rete ci pensa allora Enzo Coppa. Il capitano corona una prestazione super per intelligenza ed impegno con un gol pesantissimo: al 22’ il portiere ospite respinge la conclusione di Beneduce, sulla palla si avventa Enzo Coppa che scarica in rete, prima di correre ad abbracciare Vito “Sciupy” Iacono. A questo punto, la squadra di mister Monaco potrebbe chiudere la partita: Morgera e Polito si presentano davanti al numero uno procidano, ma il primo pecca di egoismo e preferisce calciare piuttosto che servire il compagno. Vien da mangiarsi le mani, anche perché, al 28’ De Pascali, con un calcio di punizione dei suoi, porta il Procida sul meno uno. Dalle parti del Palacasale c’è, però, chi è ormai convinto che la “zona Cesarini” vada ribattezzata come “Zona Polito”. Dopo la rete decisiva con la sfida con l’Unina, “Rambo” colpisce ancora, mettendo in ghiaccio la prima, preziosissima, vittoria di fase Oro. Al triplice fischio, la grande gioia della Virtus Libera che corre, dirigenti e staff compreso, a salutare e ringraziare gli oltre 300 appassionati che hanno colorato di biancoverde il “Palacasale”.

Condividi

About Gianfranco Collaro

108 queries in 6,528 seconds.