Torneo delle Regioni. Il bilancio delle campane, Scarfiato: “Lazio signora squadra, Femminile che rammarico”

Inserito da il 14 aprile, 2017 alle ore 4:35 pm
nino scarfiato

Cala il sipario sul Torneo Delle Regioni e la Campania torna a casa con un bottino positivo ma che lascia l’amaro in bocca: un terzo ed un secondo posto.

La Femminile ha dovuto chiudere ieri il proprio cammino dopo aver dominato sul campo contro il Bolzano, due gol molto sfortunati, tre traverse, un rigore non concesso e tanto impegno.

Gli Allievi arrivati in Finale non riescono a portare a casa la vittoria, soffrendo un po’ il campo in erba naturale e non sfruttando le occasioni avute.

La nostra redazione ha fatto il bilancio del torneo assieme al Coordinatore delle Rappresentative Campane Nino Scarfiato: “Non posso che spendere belle parole per questi ragazzi e queste ragazze. Gli Allievi hanno affrontato una signora squadra. In questi giorni abbiamo giocato su campi sintetici che ci hanno facilitato il compito avendo noi in squadra dei brevilinei veloci. Oggi il campo in erba naturale ci ha un po’ svantaggiato perchè abbiamo faticato tanto. Nel primo tempo loro hanno avuto due grosse occasioni, ma anche noi le abbiamo avute. Poteva finire 2 a 2 come 0 a 0, per quanto visto sul campo. CI hanno segnato sia nel primo che nel secondo tempo nei tempi di recupero. Fossimo arrivati ai rigori chissà come sarebbe potuta finire. La cosa più bella di oggi sono state le ragazze che cono venute ad intonare cori come fossero degli ultras per sostenere questi ragazzi. Onore al Lazio, squadra attrezzata e ben ordinata”.  Passiamo ora a parlare della Femminile: “La sconfitta di ieri lascia tanto rammarico perchè le ragazze meritavano la vittoria. Avevamo in campo delle campionesse, di contro una squadra che ha una cultura del calcio femminile ben più consolidata. Lì c’erano due o tre ragazze di alto livello, ma credo che le nostre ragazze fossero i veri campioni, Tre traversa, qualche gol mangiato e un rigore netto non dato, che anche il Presidente del Bolzano ha ammesso ci fosse. In più Esposito si è infortunata e questa è la cosa che mi dispiace di più perchè probabilmente si è rotta il legamento. Queste ragazze meritavano la vittoria e arrivare alla finale. Vederle piangere mi ha fatto scendere una lacrimuccia e mi ha fatto andare indietro col tempo a quando giocavo ed allenavo. Ma va bene così. Tutto sommato è un bilancio positivo”. Un veloce bilancio generale: “Dobbiamo dire che noi progettiamo e questo ci permette di crescere. Le squadre che sono arrivate sin qui sono cresciute tantissimo rispetto allo scorso e agli scorsi anni. Siamo arrivati come Cenerentola ma abbiamo dato filo da torcere. Spero che questo cammino che ci ha arricchito e dal quale usciamo a testa alta sotto tutti i punti di vista, possa essere un punto di partenza per la progettazione futura. Dobbiamo continuare sulla falsa riga di quanto fatto quest’anno. Ringrazio tutti, il Trentino, i dirigenti che sono venuti e che sono qui con me, i ragazzi, lo staff che ha fatto un lavoro immane, tutti”.

Un bilancio positivo che poteva concludersi come una impresa storica. Le ragazze hanno superato il loro personale record, qualificandosi per la prima volta alla Seimifinale e affrontando a testa alta squadre con una preparazione più lunga e più specifica.

Le quattro squadre sono sempre state sul piede della qualificazione senza mai essere messe sotto ed umiliate nel risultato e nel gioco. La Juniores e i Giovanissimi hanno lasciato anzitempo la competizione, i primi non riuscendo a recuperare lo svantaggio da una Lombardia che era scesa in campo da esclusa ma considerando l’avversario come una big, tant’è da esultare alla vittoria come se avessero passato il turno. I Giovanissimi rimpiangono una marcatura non fatta, ma soprattutto il sorteggio che non li ha premiati.

Gli Allievi hanno fatto un percorso fantastico grazie a Bisogno e Nunziante, tra gli altri.

Infine torniamo sulla Femminile, la formazione che più difficilmente riesce ad allenarsi bene, come spesso sottolineato dagli stessi addetti ai lavori, affrontando squadre che hanno a loro favore una mentalità che permette la loro quotidiana crescita.

La Campania nonostante le oggettive difficoltà strutturali sugli impianti è riuscita a percorrere nel migliore dei modi uno dei prestigiosi tornei giovanili portando in alto il nome della loro Regione.

Cristina Mariano

Condividi

About Cristina Mariano

95 queries in 4,418 seconds.