hitbtc
"T-Factor". I Talenti del Calcio Italiano: Federico Chiesa - Sportcampania.it - Sportcampania.it

“T-Factor”. I Talenti del Calcio Italiano: Federico Chiesa

Inserito da il 11 settembre, 2018 alle ore 8:01 pm

Bentornati al nostro appuntamento settimanale con la rubrica “T-Factor. I talenti del calcio italiano”. Questa settimana andremo a scoprire (anche se è un profilo molto noto) il talentuoso attaccante classe 1997 in forza alla Fiorentina, reduce dal doppio impegno con la Nazionale, che risponde al nome di Federico Chiesa.

 

CHI E’? – Federico Chiesa nasce a Genova il 25 ottobre del 1997, figlio dell’ex calciatore Enrico Chiesa (che di certo non ha bisogno di presentazioni). Attaccante come a suo lo era stato il padre, è considerato uno dei migliori prospetti italiani oggi in circolazione.

 

CARATTERISTICHE – Federico Chiesa è un’ala sinistra, di piede destro, rapida e dotata di un dribbling molto rapido e preciso. Molto abile nell’accentrarsi e cercare la porta con il suo piede forte. Può ricoprire anche il ruolo di ala destra. Nel suo bagaglio tecnico, oltre al dribbling, ci sono un ottimo scatto e la peculiare capacità sapersi liberare, anche in spazi stretti, della marcatura avversaria.

 

CARRIERA– Chiesa muove i suoi primi passi da calciatore nelle giovanili della Settignanese, squadra di una frazione di Firenze (Settignano, appunto). A dieci anni passa nelle giovanili della Fiorentina, dove riesce a mettersi in luce negli Allievi Nazionali e, successivamente in Primavera, dove trova maggior spazio e continuità di gioco.
All’inizio della stagione 2006/17 l’allora allenatore viola Paulo Sousa, lo inserisce in prima squadra, convocandolo a Moena per la preparazione pre-campionato. L’esordio di Federico non tarda ad arrivare: il 20 agosto del 2016, a 18 anni, è in campo nella partita di Serie A persa per 2-1 a Torino contro i bianconeri della Juventus, nella quale gioca i primi 45 minuti. Il 29 settembre dello stesso anno esordisce anche in Europa League, nella partita del Franchi contro il Qarabağ, giocando i 29 minuti finali (gara terminata 5-1 per i viola). Il primo gol in viola è proprio contro al squadra turca, nella gara di ritorno vinta per 2-1, l’8 dicembre 2016.
Il 212 gennaio del 2017 mette a segno la sua prima marcatura anche in Serie A, firmando la terza rete nella vittoria per 3-0 contro il Chievo. Termina la sua prima stagione da professionista con 34 presenze e 4 reti.
Nella stagione successiva, con in panchina Stefano Pioli, si impone come titolare a suon di prestazioni altisonanti chiudendo alla fine con 36 presenze e 6 reti.

 

NAZIONALE– Federico ha fatto tutta la trafila della nazionale. Conta, infatti 3 presenze in Under 19 (0 reti), 5 presenze (e 0 reti) in Under 20, 10 presenze (e 3 reti) in Under 21 e 7 presenze (e 0 reti) in Nazionale Maggiore.Tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016 fa il suo esordio anche nella Nazionale Under 19. Il 12 novembre del 2015 gioca la sua prima partita amichevole in Azzurro contro la Repubblica Ceca a Pistoia (vinta 4-1 dagli azzurrini). Nel settembre 2016 riceve la sua prima convocazione in Under 20, debuttando il 1° settembre nel Quattro Nazioni a Lubecca contro la Germania (gara vinta per 1-0). Nel marzo del 2017 viene convocato anche con l’Under 21, facendo il suo esordio il 23 marzo giocando i primi 45 minuti nella  gara contro la Polonia a Cracovia (anche qui, vittoria per 2-1).
Il 9 aprile del 2017, l’allora CT della Nazionale Maggiore, Gian Piero Ventura, lo convoca per il 3° raduno stagionale per  calciatori emergenti a Coverciano. Nel giugno del 2017 partecipa con l’Under 21 all’Europeo di categoria in Polonia, debuttando in una gara ufficiale contro la Danimarca, entrando al 66’ e fornendo l’assist a Pedagna per il 2-0.
La prima rete in azzurro arriva il 4 settembre del 2017, con l’Under 21, nella gara amichevole contro la Slovenia, vinta per 4-1 a Cittadella.
La prima convocazione in Nazionale Maggiore è datata marzo 2018, quando il CT ad interim Luigi Di Biagio, lo chiama per le amichevoli contro Argentina ed Inghilterra. Esordisce il 23 marzo 2018, a soli 20 anni, giocando da titolare nella gara contro l’Argentina, persa per 2-0. Viene confermato stabilmente nel giro azzurro anche dall’attuale CT Roberto Mancini.

 

Giovanni Tafuto

 

Se conosci talenti o ti reputi tale, contatta la nostra redazione e racconteremo la tua storia

Condividi

About Giovanni Tafuto

118 queries in 6,785 seconds.