yobit poloniex hitbtc cryptopia amp for wordpress plugin
Serie A. Caso Gavillucci: dalla massima serie agli Allievi Regionali - Sportcampania.it - Sportcampania.it

Serie A. Caso Gavillucci: dalla massima serie agli Allievi Regionali

Inserito da il 14 ottobre, 2018 alle ore 5:03 pm

Ha del surreale la storia legata all’arbitro di Latina, Claudio Gavillucci. Dalla Serie A agli Allievi Regionali. Il tutto ha avuto inizio il 13 maggio scorso in un match valevole per il campionato di Serie A disputatosi al Marassi tra Sampdoria e Napoli. In quel frangente il signor Gavillucci interruppe la gara per alcuni cori discriminatori da parte dei tifosi blucerchiati nei confronti dei napoletani, dove vide addirittura il patron della Samp, Massimo Ferrero, costretto a scendere in campo per placare gli animi di tifosi liguri, ma il suo intervento non servì quasi a nulla. 

Da quel match in poi l’arbitro romano Claudio Gavillucci, scompare dai radar, diventando un vero e proprio fantasma. I vertici dell’AIA decidono di fatto di dismettere Gavillucci per motivate ragioni tecniche. Il fischietto di Latina, però, non concordo sulla presa di posizione dei vertici dell’Associazione Italiana Arbitri, al termine della stagione precedente, presenta ricorso, che viene respinto dalla Commissione arbitrale di Serie A. Nonostante dopo aver perso in primo grado, l’arbitro romano il 26 ottobre si presenterà dinanzi al Tribunale Federale Nazionale per discutere nuovamente il suo caso. 

Intanto, dopo ben 5 mesi senza condurre alcun tipo di gara, Gavillucci nella giornata di ieri è tornato finalmente ad arbitrare in occasione del match degli Allievi Regionali tra Vis Sezze e Tor De’ Cenci (campo in terra battuta, senza Var e assistenti), ritornando difatti a disposizione della sezione di Latina, alla quale donerà i rimborsi dei match che condurrà. Insomma, Claudio Gavillucci, torna inspiegabilmente alle origini, dove tutti gli arbitri danno il via alla loro carriera. 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi

About Nunzio Marrazzo

121 queries in 6,046 seconds.