“Sensazioni Azzurre”. Tre metri sopra il cielo (azzurro)

Inserito da il 23 aprile, 2018 alle ore 3:22 pm

La gara volgeva al desìo, sospiro di sollievo di Allegri & fruttini, ma un “ombra nera” sale in cielo oscurando all’improvviso la Savana ove timide zebrette pascolavano nel panico!

Una incornata da favola per i 1000 cuori azzurri presenti nella tana degli Agnelli. Il povero Gigi che si affannava a menar per l’aia i palloni col piede verso salutari falli laterali nulla può alla ferocia di Kalidou che dagli inferi nel silenzio assoluto impatta la palla e cattura rete e sogni da verificare.

Tutti composti in tribuna gli Agnelli (padri, madri, zie, sorelle e commare), ma non composti come fossero educande, no, ma impietriti da una scena che si ripete ancora e annebbia ogni cosa, Lapo che urla negli spogliatoi :”Ma è possibile che stasera “tiro” solo io?”.

Per chi come me e tanti di Voi ha visto decine di campionati avrà forse pensato o intuito che il destino della “gara eterna” era mutato al palo bianconero, alla punizione di Pjanic deviata da Callejon e sbatte sul palo anziché infilarsi come quella deviata al gol di Zaza pochi anni fa.

Il Dio Eupalla ha aperto finalmente gli occhi ed ha capito che c’è un limite alla supponenza, alla fortuna, al non gioco, al “tutto mi è dovuto perché sono la Juve”! Che cuori questi ragazzi, hanno annullato (a fatica) anche il gol di Dybala a tempo scaduto con la Lazio, con le vittorie a “cuore aperto” contro Chievo e Udinese e corroborati dal cuore di una provinciale del Sud che sarà all’ultima giornata proprio al San Paolo, chissà se a festeggiare imprese meritate, pulite, desiderate!

A cura di Giuseppe Giannotti

Condividi

About Redazione

117 queries in 5,994 seconds.