“Sensazioni azzurre”. De Laurentiis sogna coi tifosi

Inserito da il 10 ottobre, 2017 alle ore 3:37 pm

Aurelio, voglio più scudetti! Allegri non basta giocare bene. Si presidente si, “tu non mi basti mai” citava una celebre canzone, magari potessimo vincere il 20% dei suoi film di Natale, mamma mia che bacheca avremmo, ci piace Dela! Intanto meno male, il gioco azzurro è un po’ meglio di alcuno suoi film meno riusciti, ma questa è un’altra storia, anche perché dopo dieci anni di sacrifici, attese, attestati, belle parole, che dire, ci ritroviamo per la Nomination allo scudo e un Oscar in corsa per l’attore belga Dries Mertens!

La pausa non dovrebbe (si spera) aver distratto protagonisti principali e comparse, il regista Sarri ha in mano il Ciak per far ripartire la scena madre (quei tre sotto rete che tutti vorrebbero prendere ma difficile assai è). Il carismatico capitano in via di spolvero, i polmoni dei corridori a pieno regime, il pubblico pronto a sedersi in prima fila (non di velluto) però. Insomma, tutto è pronto per la trasferta in casa Totti, ormai in tribuna incravattato come un grande imperatore ma senza poter usare il “pollice verso” perché del suo talento la Roma non può più usufruirne. Dunque Dela deciso a tenersi la sua rivelazione in panchina, vedremo in che modo, a quali sacrifici o lotte intestine coi grossi club italici e non.

Ricordiamo a qualcuno che il Pep pluri decorato che ci aspetta a Manchester si consiglia ancora con Mazzone! Intanto quei “fanatici” di Tuttosport si dilettano coi paragoni Allegri-Sarri, avendo la bacheca ricca di successi “italici” a Vinovo non possono appellarsi al bel gioco e alla stima che gode il “provinciale ragazzo napol-toscano”, è ovvio che non basta il bel gioco si deve vincere(ma var, non ci credo), ma io avrei voluto vedere dopo Cagliari Allegri allenare il Napoli, senza passare da campioni affermati, protetti, già di “per loro” vincenti.

E’ sempre la solita storia, quando un potente ha a che fare con Davide anziché far finta di dire SI e poi mostrare la forza, egli si erge, si impenna, ricordo alla Juve e ad Allegri che il grande Golia era la mentina celebre col buco intorno, a pochi intenditor, senza liquirizia, malizia pardon!

A cura di Giuseppe Giannotti

Condividi

About Redazione

102 queries in 5,005 seconds.