Scuderia Vesuvio. Weekend sfortunato per i motori partenopei, meteo e rotture tra gli ostacoli

Inserito da il 6 maggio, 2014 alle ore 10:32 am

AGEROLA (NA) –La Scuderia Vesuvio ha preso parte a numerosi eventi motoristici nel fine settimana, raccogliendo successi ma anche qualche delusione.

Alla“60^ Cronoscalata Coppa Nissena”, seconda prova del Campionato Italiano Velocità Montagna 2014, i portacolori Rosario Iaquinta, Piero Nappi e Francesco Avitabile hanno dato battaglia nuovamente ai loro avversari.

Nella cronoscalata vinta per pochi centesimi da Christian Merli ai danni del campione in carica Simone Faggioli, Vittoria di classe e di gruppo E1 Italia per Piero Nappi ha mostrato tutte le potenzialità della sua Ferrari 550 curata dalla Catapano Corse, conquistando anche a Caltanissetta la vittoria di classe e di gruppo E1 Italia oltre alla 15^ posizione assoluta.

Rosario Iaquinta ha invece dovuto fare i conti con il campione in carica del Gruppo CN Omar Magliona, che ha avuto la meglio proprio sul driver calabrese che nonostante avesse dato ilmassimo a bordo della sua Osella PA 21/S EVO , si è dovuto quindi accontentare della seconda piazza di classe e di Gruppo CN, attestandosi al settimo posto nella classifica generale.

La sfortuna ha invece colpito tra le vetture storiche Francesco Avitabile, che a bordo della prepotente BMW 320 TC 2.0 curata da Di Salvo e Riggio, dopo ottimi tempi in prova e nella prima manche di gara ha subito la rottura di un pistone ed in tal modo ha vinto la sua classe, ma a causa del problema meccanico ha chiuso in quarta posizione assoluta.

La Scuderia Vesuvio è stata presente anche sul Circuito di Vallelunga, dove i portacolori Sebastiano Mascolo e Domenico Maione hanno preso parte alla prima prova del “Trofeo Hoosier 500 Star”. I due driver napoletani sono però stati protagonisti di due eventi a dir poco sfortunati.

Mascolo nel giro di ricognizione ha accusato dei problemi meccanici alla sua bicilindrica e partendo dai box ha concluso al 4° posto; Maione invece è stato protagonista di una gara entusiasmante, che lo ha visto timbrare il giro più veloce e lottare costantemente per il successo. A due giri dal termine è stato però costretto al ritiro per noie meccaniche che gli hanno rovinato un’ottima prestazione.

Michele Liguori ha invece difeso i colori Scuderia Vesuvio nelle due prove del Martini Trophy al “Donington Historic Festival”. Nella prima prova un principio di incendio non ha permesso al gentleman driver di prendere parte alla gara. Liguori si è però rifatto in gara 2, dove ha tirato il massimo dalla sua Lola T296 conquistando il secondo posto nonostante fosse partito nelle retrovie.

Presente al 16° Slalom di Picerno, la Scuderia Vesuvio ha visto i suoi alfieri difendersi con le unghie a causa del maltempo che ha condizionato l’intera manifestazione. Hanno chiuso al 3° posto di classe sia Antonio Vassallo (Peugeot 206 RC) che Donato Piscitiello (Peugeot 205). Ha invece conquistato la vittoria in classe P1 Domenico Santullo (Fiat 600 Abarth), Problemi invece per Vito Riviezzi che chiude al sesto posto in classe P2.

 

Ufficio Stampa Scuderia Vesuvio

 

 

clicca qui per seguirci su Facebook
clicca qui per seguirci su Twitter

 

 

Condividi

About Comunicato Stampa

127 queries in 6,606 seconds.