yobit poloniex hitbtc cryptopia amp for wordpress plugin
Sarnese. Cadono i granata, il Cerignola conquista la vittoria, Cusano: "Sconfitta che fa male" - Sportcampania.it

Sarnese. Cadono i granata, il Cerignola conquista la vittoria, Cusano: “Sconfitta che fa male”

Inserito da il 21 ottobre, 2018 alle ore 9:09 pm

Polisportiva Sarnese: Mennella, Pantano (32′ st Cinque), Siciliano, Sorrriso (36′ st Varriale), Girardi, Tortora, Cassata (41′ st Adamo), Langella, Maione, Sannia, Sellitti (16′ st Cacciottolo). A disposizione: Montella, Adamo, Varriale, Carginale, Mariani, Muollo, Cinque, Cacciottolo, Sannia S.. Allenatore: Pompilio Cusano

Audace Cerignola: Abagnale, Cascione, Russo, Carannante (26′ st De Cristofaro), Abruzzese, Pollidori, Loiodice, Esposito (47′ st Russo), Foggia (32′ st Siclari), Marotta (30′ st Longo), Lattanzio (20′ st Dicecco). A disposizione: Vassallo, Tedone, Matere, De Cristofaro, Di Cecco, Longo, Siclari, Russo, Esposito. Allenatore: Leonardo Bitetto

Arbitro: Simone Galipó di Firenze

Reti: 21′ pt Carannante, 33′ pt rig Langella, 4′ st Loiodice, 34’ st Siclari

Note: 500 spettatori circa. Ammoniti: Pantano (S), Abagnale, Carannante, Pollidori, Loiodice (C). Al 48′ st espulso Siciliano. Recupero: 1′ pt – 5′ st

Sarno. Lo Squitieri resta un tabù per la Sarnese, finisce 1 a 3 contro il Cerignola e l’appuntamento con i tre punti allo Squitieri è ancora rinviato. Mister Cusano per la gara contro i pugliesi conferma l’undici che si è imposto domenica scorsa contro la Gelbison. Recupera Adamo e Mariani torna tra i convocati. Primo tempo la Sarnese tiene bene il campo, dopo l’avvio di gara non proprio al meglio, nella seconda parte della prima frazione, con un gol sotto, con carattere e determinazione, piano piano i granata vengono fuori e giocano alla pari contro i più quotati avversari.  Al 15′ il primo tiro in porta della gara è di Lattanzio, da posizione leggermente defilata, Mennella respinge.  Al 20′ ci prova Sannia con un colpo di testa all’indietro dal limite, sugli sviluppi di un calcio piazzato, la palla finisce di poco sopra la traversa. Al 21′ arriva il gol del vantaggio del Cerignola con un bolide da fuori di Carannante la palla si stampa sotto la traversa e ribatte sulla linea, ma secondo l’assistente la palla oltrepassa la linea e l’arbitro assegna il gol, ed è 0 a 1. La Sarnese accusa il colpo e il Cerignola per poco non va vicino al raddoppio. Al 27′ ci prova Cascione dal limite, Mennella in tuffo devia in angolo. La Sarnese man mano viene fuori e si porta in avanti sfruttando la velocità di Sellitti, infatti, in una ripartenza di quest’ultimo che arriva il pari. Al 33′ Sellitti viene atterrato in area da Abagnale, l’arbitro assegna il rigore, sul dischetto si presenta il capitano Langella che trasforma in rete. Dopo il meritato pari la Sarnese prende coraggio, mentre il Cerignola la mette sulla fisicità e commette qualche fallo in più per interrompere le azioni migliori dei granata. E così finisce il primo tempo.

Nella ripresa la Sarnese entra bene in campo e va subito vicinissima al vantaggio con Sorriso. Al 2′ conclusione di Sorriso dal limite palla sfiora la traversa e termina sulla parte superiore della rete. Ma purtroppo poco dopo ancora una situazione sfortunata il Cerignola si porta nuovamente in vantaggio. Al 4′ conclusione di Loiodice dal vertice sinistro dell’area mette la palla in rete, favorito da una deviazione della difesa granata che sorprende Mennella. Il gol taglia le gambe ai granata che non riescono a reagire. Al 24′ splendida rovesciata in area di Maione ma la difesa pugliese libera e salva Abagnale. Al 29′ la conclusione dalla sinistra di Cassata per poco non sorprende Abagnale leggermente fuori dai pali. Al 34′, il terzo gol che chiude definitivamente la gara con il neo Siclari: Longo serve il area Siclari che con un destro potente mette la palla alle spalle di Mennella. Da questo momento non c’è stata più partita. Al 40′ ancora Cerignola vicina al quarto gol con Esposito, la palla termina di pochissimo al lato alla sinistra di Mennella.  Al 46′ Longo prova la botta Mennella si oppone con i pugni. E così finisce la gara.

INTERVISTA A MISTER POMPILIO CUSANO E DIRETTORE ALESSANDRO ROSOLINO

“E’ una sconfitta che fa male come tutte le altre – dichiara mister Cusano a fine gara – ma sapevamo di affrontare, sulla carta, una gara proibitiva. Siamo partiti anche bene, con il piglio giusto, loro si sono resi pericolosi nel primo tempo solo su palla inattiva più volte, poche volte ci hanno messo in difficoltà sul piano del palleggio. Siamo stati bravi ad andare in pressione sugli attaccanti avversari. Abbiamo avuto la capacità di reagire e raggiungere il pari. Siamo andati al riposo sulla parità meritatamente. Nel secondo tempo pensavamo di poter crescere come passo e rispondere alla loro tecnica, purtroppo il secondo gol fortunoso ci ha destabilizzato. Abbiamo perso un po’ di equilibrio e poi quando lasci spazi a questi tipi di calciatori ti fanno male. Abbiamo fatto ancora esperienza e speriamo di non ripetere questi tipi di errori in altre gare”.

“Sapevamo che era una gara molto difficile, ma nonostante tutto i ragazzi l’hanno affrontata abbastanza bene con impegno e concentrazione. – spiega il direttore sportivo Alessandro Rosolino – Oggi la differenza l’ha fatta l’esperienza. Hanno usato, a parte le qualità tecniche, nei momenti topici la tecnica dell’ostruzione e interruzione di gioco con falli chirurgici. Aldilà del gol loro fortunoso, noi grazie anche al cambio tattico di mister Cusano siamo riusciti a riprendere la gara con il gol su rigore di Langella. Nel secondo tempo nel nostro momento migliore un altro gol fortunoso ci ha tagliato completamente le gambe. Poi quando lasci spazi a questi calciatori diventa difficile e ti fanno male, ci siamo innervositi grazie al loro mestiere. Ci trovavamo comunque di fronte una delle squadre migliori del girone. In termini di classifica per fortuna non è cambiato molto, finalmente con questa gara termina un ciclo difficile. Se andiamo a vedere, infatti, in queste prime sei gare abbiamo incontrato già sono le prime cinque della classe. Da domenica inizia un ciclo diverso e noi dobbiamo cambiare mentalità, dobbiamo iniziare a giocare con più convinzione, dobbiamo cambiare passo, dobbiamo essere più convinti e sfruttare le nostre qualità tecniche. Mi auguro che il nostro allenatore da domenica con le sue capacità riuscirà a metterci in una posizione di classifica migliore”.

 

 

NEMESYS COMUNICAZIONE

UFFICIO STAMPA

SSD POLISPORTIVA SARNESE 1926

Condividi

About Gianfranco Collaro

107 queries in 5,965 seconds.