Real San Gennarello. Sconfitta di misura contro la Torrese, ma quanti rimpianti

Inserito da il 11 febbraio, 2018 alle ore 3:17 pm

Sconfitta di misura per gli uomini di mister Di Martino nel difficile impegno di campionato contro la Torrese. C’è rammarico per un risultato che i biancorossi non avrebbero meritato per quanto vistosi in campo. Prestazione sontuosa del Real al cospetto di un avversario candidato alla vittoria finale del campionato.

Iniziano meglio i padroni di casa. I locali appaiono più propositivi, Real accorto in difesa che bada a non prenderle. Al 12′ il primo episodio degno di nota: filtrante da metà campo di Sansone per Savarese. Quest’ultimo controlla e lascia partire da posizione defilata un tiro che supera di poco la parte alta della traversa. Al 17′ è ancora la Torrese a rendersi pericolosa su palla inattiva.  Punizione dal limite dell’area di rigore, si incarica della battuta Scala. Nella circostanza è bravo l’estremo difensore Robustelli a deviare in calcio d’angolo. La squadra di casa è padrone del campo ma poco incisiva in fase offensiva, complice qualche errore di troppo nella scelta dell’ultimo passaggio. Al 39′ però è il Real a sfiorare la segnatura: Sannino recupera caparbiamente palla sulla destra. L’esterno biancorosso è bravo ad incunearsi tra i due centrali difensivi, controlla e calcia di prima intenzione. E’ bravo Sorriso a neutralizzare un tiro ben indirizzato nello specchio. Nella ripresa cambia inerzia della gara. Gli ospiti, con l’inserimento dell’attaccante centrale Ciniglio, dopo una prima frazione con il freno a mano tirato, riescono a disimpegnarsi con maggiore scioltezza, tenendosi in costante proiezione offensiva.

Al 4′ punizione dai 20 metri per gli ospiti. Battuta affidata allo specialista Iazzetta. Tiro a giro, il suo, che lambisce il palo, alla sinistra dell’estremo difensore avversario. Al 16′ è invece il suo compagno di squadra Della Marca a provarci dalla lunga distanza. Tiro centrale quello dell’attaccante biancorosso, che non desta preoccupazione alla retroguardia locale.

Al 27′ la Torrese, in quello che sembrava un momento per loro di apparente difficoltà, la sblocca: percussione mancina di Izzo, quest’ultimo calcia dai trenta metri. Traiettoria deviata, la sua, che si insacca alle spalle dell’incolpevole Robustelli.

Nonostante il passivo, Real mai domo. Squadra ormai votata all’attacco, alla disperata ricerca del pareggio. Al terzo minuto di recupero è il subentrante Annunziata N., da buona posizione, a calciare alto il pallone del potenziale pareggio. Dopo cinque minuti di recupero, l’arbitro dichiara la fine delle ostilità.

Real a testa alta. Una sconfitta questa che non scalfisce i biancorossi, nella testa e nell’animo. Ripartire dalla prestazione, il monito che il tecnico Di Martino ha rivolto ai suoi. La gara del “Liguori” è ormai storia, ora tocca rialzare la china già dal prossimo impegno di campionato. Ad attendere domenica gli ottavianesi, al Comunale, il Sant’Agnello.

Condividi

About Redazione

112 queries in 5,387 seconds.