Parse error: syntax error, unexpected '}' in /web/htdocs/www.sportcampania.it/home/wp-content/themes/maxmag/header.php(7) : eval()'d code on line 53 Nola 1925. Allo Iacovone per il riscatto, Liquidato: "Squadra di grande potenziale" - Sportcampania.it

Nola 1925. Allo Iacovone per il riscatto, Liquidato: “Squadra di grande potenziale”

Inserito da il 11 Ott, 2018 alle ore 3:56 pm

Reduce dalla sconfitta contro l’Az Picerno tra le mura amiche dello Sporting Club, il Nola di Stefano Liquidato sarà impegnato nella sfida pugliese contro il Taranto. Ionici che arrivano dall’eliminazione contro il Sorrento.

Voglia di riscatto per entrambe le formazioni, che ambiscono a due campionati diversi. Se il Taranto, infatti, vuole tentare la promozione e il ritorno in Serie C, non è di certo lo stesso per il Nola, la cui proprietà è quella di mantenere la categoria.

Bruniani, però, che arrivano da un momento complicato: buone prestazioni, ma difficoltà a trovare la porta e nella fase difensiva, un aspetto quest’ultimo che mai ha creato problemi a Stefano Liquidato: “Se devo dire che la squadra non si allena bene, non lavora e non segue quello che dice l’allenatore -sottolinea ai nostri microfoni lo stesso Stefano Liquidato- Direi una grossa bugia. Noi lavoriamo intensamente tutta la settimana, la squadra mi segue e lavora con impegno e concentrazione. In questo periodo, però, è evidente che c’è qualche problema. Se si guarda il 4-0 contro il Picerno può sembrare che il Nola non sia mai sceso in campo. Così non è, perchè abbiamo fatto la partita per tutti i primi 45′. Se poi ci si mette la traversa di Scielzo, un Gennaro Espoito non al massimo, un bellissimo gol di Santaniello allora ecco come nasce il risultato. Dopo il gol del raddoppio siamo crollati”.

Come riprendersi, quindi: “Abbiamo lavorato fino a ieri sulla testa e cercando di far capire come sono nati gli errori. Abbiamo lavorato su qualcosa che difficilmente si può spiegare sul campo, ma ci siamo inventati come farlo e l’abbiamo fatto. Da oggi lavoreremo sul possesso palla. Come ho detto bisogna lavorare sulla testa, perchè siamo una squadra che è propensa al gioco in avanti, ma siamo anche una squadra che sa difendere. Se ora usciamo con due 4-0 in casa evidentemente c’è qualcosa che stiamo sbagliando. Dobbiamo lavorare non solo nell’errore, ma anche nel prevenire l’azione gol avversario”.

Ultimo rinforzo tra le fila del Nola Gennaro Troianiello, sceso in campo nella seconda parte di gara proprio contro i lucani di mister Giacomarro: “E’ arrivato mercoledì e si è allenato per due-tre giorni. Domenica si è accomodato in panchina perchè aveva meno allenamenti degli altri. E’ entrato nel secondo tempo e ha dato il suo contributo per quello che ora la condizione fisica gli permette. Dal punto di vista tecnico, Troianiello non si discute, ma devo trovare la forma giusta. Giocherà anche contro il Taranto, ma non so quando lo farò entrare”.

Prossimo avversario il Taranto, come abbiamo detto, una squadra che arriva dal pareggio contro il Cerignola al Monterisi: “Il Taranto è una squadra buona, con un potenziale tecnico davvero alto. Ha giocatori importanti e un tecnico con un grandissimo passato da giocatore. Come allenatore credo sia alle prime armi, ma ha già dato una sua identità alla squadra. Lavora benissimo in tutte le fasi, la squadra lo segue, bisogna rispettato e sa farsi rispettate”.

Favetta, Di Senso, Marsili, D’Agotino: questi alcuni nomi della rosa rossoblù. “Un calciatore che toglierei? Se venisse un’influenza sabato da sabato sera e lunedì mattina a dieci calciatori del Taranto -scherza Liquidato- Sarei molto contento. Con questa battuta intendo dire che il Taranto vanta dei calciatori davvero importanti. Non ce n’è uno che toglierei, sarebbe riduttivo”.

Cristina Mariano

Condividi

About Cristina Mariano

120 queries in 7,319 seconds.