“Di sfiDe in sfiDe”. Avellino per il poker: ecco l’Agnani

Inserito da il 27 settembre, 2018 alle ore 7:15 pm

Archiviata la vittoria contro l’Anzio nel turno infrasettimanale di campionato, l’Avellino dovrà subito proiettarsi verso la prossima giornata e la prossima avversaria. Stiamo parlando del Città di Anagni, che farà visita all’Avellino al Partenio-Lombardi.

STORIA – Il Città di Anagni è nata quest’estate, quando i presidente e proprietari del Città di Anagni e dell’Anagni Calcio hanno deciso di fondere le proprie energie per dare vita a un nuovo progetto calcistico. La prima da anni nel panorama del calcio dilettantistico, la seconda importante squadra che si è concentrato sul settore giovanile collezionando tanti successi.

L’ALLENATORE – Da maggio 2018 alla guida dei biancorossi è affidata a Manolo Liberati, allenatore dal profilo giovane ma che già da diversi anni bazzica le panchine. Ex calciatore, ha iniziato la sua carriera da guida tecnica a 31 cominciando dal Settore Giovanile del San Lorenzo, per poi andare al Tivoli, in Promozione. Un percorso in crescendo, perchè in seguito all’annata in Promozione ha allenato poi in Eccellenza, e Serie D, per poi arrivare a fare il vice al Terano. Torna in Serie D dopo l’esperienza Cynthia e Guidonia e la successiva Eccellenza, allenando appunto l’Anagni. Il modulo preferito è il 4-3-3.

LA ROSA – Squadra giovanissima, con un’età media pari a 21,4 anni. Una linea che rispetta la mission della società: valorizzare i giovani. A differenza della maggior parte delle squadre che si affidano a un portiere under, l’Anagni si affida all’esperto Stancampiano. Nonostante l’amore per il 4-3-3 il tecnico organizza la sua squadra con un più cauto 4-4-2.

FORMAZIONE – Stancampiano; Giorgio, Pralini, La Rosa, Contucci; Galvanio, Lustrissimi, Tataranno, D’Orsi; Capuano, La Terra

Cristina Mariano

Condividi

About Cristina Mariano

120 queries in 6,229 seconds.