Avellino-Nola 0-1. Ai bruniani basta Esposito, Partenio teatro della prima sconfitta

Inserito da il 19 settembre, 2018 alle ore 10:37 pm

Esordiscono in Coppa Italia di Serie D Avellino e Nola, partita valevole per il turno preliminare. Il Partenio-Lombardi teatro della prima stagionale casalinga degli irpini, in un contesto e una categoria diversa.

Un 4-4-2 contro il canonico 4-3-3- di Stefano Liquidato, che si affida a pedine importanti, tenendo però a riposo un pilastro importante dell’attacco come Pasquale Scielzo marcatore della prima giornata del campionato interregionale.

Archimede Graziani, invece, comincia con l’artiglieria pesante, partendo da Ciotola e Sforizini come terminali offensivi. Riesce a recuperare Acampora e opta per qualche cambiamento nella linea difensiva rispetto alla partita con il Ladispoli.

LA PARTITA – E’ il Nola a iniziare con il piede sull’acceleratore, con i bruniani che riescono a farsi vedere nelle zone alte del campo irpino. Tentativi che non portano a nulla, se non a presentarsi all’Avellino. Dopo i primi sussulti bianconeri, c’è una fase di studio per poi lasciare la mano agli irpini con le occasioni di Ciotola e Sforzini. Partita bloccata sullo 0-0 e ricca di errori da entrambe le parti. Al 39′ gli ospiti passano in vantaggio con la capocciata di Gennaro Esposito servito si calcio d’angolo da Marco Colarusso. Lagomarsini incolpevole non può fare niente. Nolani vicino al raddoppio, ancora con Esposito sugli sviluppi di un calcio di punizione.

Nel secondo tempo subito cambi per Archimede Graziani che affianca Ciotola a Sforzini, prima leggermente più arretrato. Dentro anche Tompte e Gerbaudo per Totaro e Ventre. Il gioco tarda ad iniziare, poi ci pensa l’Avellino a prendere in mano il filo del gioco ma senza impensierire la difesa del Nola. Cambia tattica la squadra di Stefano Liquidato, intenta per lo più a difendere e gestire il risultato piuttosto che scoprire il fianco all’offensiva irpina. Al 29′ grande occasione per gli irpini con De Vena che non riesce a finalizzare l’occasione lasciatagli da Gragnagniello a porta vuota. Nei minuti seguiti altre occasione per gli irpini, con il pallone che finisce sull’esterno della rete mentre l’altro fuori dallo specchio di porta. Nel finale di match si rialzano i ritmi, con il Nola che prova a trovare con il raddoppio, senza però, riuscirci. Tagliamonte infatti, non riesce a valorizzare un contropiede bruciante. Avellino prova il forcing, ma con l’espulsione di Dondoni si complicano maggiormente le cose. Dopo un lungo recupero l’Avellino viene eliminato dalla Coppa Italia. A decidere il gol di Esposito nel primo tempo.

TABELLINO

AVELLINO-NOLA 0-1 (parziali 0-1)

Avellino (4-4-2): Lagomarsini; Nocerino, Morero, Dondoni, Scarf; Totaro (1′ st Tompete), Buono, Acampora (20′ st Matute), Ciotola; Ventre (1′ st Gerbaudo), Sforzini. A disp.: Bruno, Mikhaylovskiy, Patrignani, Gerbaudo, Mentana, De Vena, Urbansky, Tompte, Matute. All.: Graziani.

Nola (4-3-3): Gragnaniello; Colarusso (23′ st Lauri), Pepe, Lenci, Varriale (28′ Simone Del Prete); Lippiello Olivieri, Vaccaro (31′ st Falanga); Tagliamonte, G. Esposito (39′ st Stoia), Del Prete. A disp.: Capasso, Lauri, Stoia, S. Del Prete, Madonna, Falanga, Paradisone, Gioventù, Sare. All.: Liquidato.

Arbitro: Centi di Viterbo.

Guardalinee: D’Ilario-Mattera.

Marcatori: 39′ pt Esposito

Ammoniti: Colarusso, Morero, Del Prete,

Esposito: Dondoni

Recuperi: 1′ pt 7′ st

Note: spettatori 2000 circa. Ammonito: Colarusso (N) per gioco violento. Angoli: 2-1 per il Nola.

Cristina Mariano

Condividi

About Cristina Mariano

120 queries in 5,977 seconds.