AreAvellino. Il bilancio stagionale: meglio il girone di ritorno

Inserito da il 19 maggio, 2017 alle ore 7:01 pm

Terminata la stagione regolamentare e terminati i festeggiamenti per la salvezza ottenuta, sono partiti, almeno in parte, quelli per il punto restituito nella sentenza di appello per calcioscommesse. Di conseguenza l’Avellino chiude la stagione a quota 50 punti, scalando la classifica fino al 14esimo posto.

Una stagione maledetta quella degli irpini che hanno salutato il campionato rischiando fino all’ultimo secondo di passare dalla lotterie dei play-out per mantenere la categoria.

Penalizzazione a parte, i problemi dell’Avellino son partiti dal principio. Infatti col senno di poi si può dire che scelta di Mimmo Toscano, nostro malgrado, non è stata quella giusta. La squadra biancoverde era a quota 16 punti, invischiata nella zona play-out. Questo senza calcolare la penalizzazione arrivata il mese scorso. Ha collezionato in quei tre mesi 4 vittorie, 4 pareggi e 8 sconfitte, con un andamento quasi imbarazzante. Solo 15 i gol segnati, quasi il doppio quelli subiti.

A partire dalla prima uscita di dicembre è iniziata l’era Novellino. Un cambio radicale sotto l’aspetto mentale e tattico. Passati dal 3-4-3 al 4-4-2, la squadra irpina ha iniziato a macinare gioco, ma soprattutto ad avere fame. Un girone di ritorno quasi spettacolare, con gli irpini che terminano al sesto posto in classifica a quota 32 punti, per un totale di 36 dall’arrivo di Monzon sulla panchina. Circa 1.3 a partita: 26 sono le partite totali di Novellino. Un andamento che se fosse iniziato già dalla prima giornata avrebbe significato 58 punti, circa ed un posizionamento decisamente diverso. L’Avellino avrebbe sfiorato la zona play-off.

Ardemagni pilastro dell’attacco, Castaldo e D’Angelo uomini spogliatoio. Djimsiti e Jidayi i pilastri della difesa e Radunovic a fare buona guardia tra i pali. Sicuramente, però, è in panchina il vero artefice di questo campionato partito e finito in maniera molto difficile, ma che ha evidenziato un miglioramento esponenziale.

C’è da migliorare, soprattutto sull’aspetto mentale più che tecnico. Infatti secondo le statistiche raccolte, l’Avellino sembra staccare la spina negli ultimi minuti: 11 gol subiti nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo, ben 23 quelli subiti nell’ultima mezz’ora del secondo, cioè il 61% circa dei gol totali

Cristina Mariano

Condividi

About Cristina Mariano

102 queries in 6,243 seconds.